Dr.ssa Monia Mereu

Specialista in Neuro Psicologia
051.0954643

Telefonare in reception

  • Attività privata in libera professione:
    Valutazione neuropsicologica
    Riabilitazione e stimolazione delle funzioni cognitive
  • Abilitazione alla professione di psicologo:
    Esame di Stato sostenuto presso l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna.
  • Attestato di partecipazione al Convegno:
    Il metodo Montessori come nuova frontiera nelle strategie di sostegno degli ospiti con deterioramento cognitivo nelle CRA”, c/o Villa Ranuzzi, Bologna
  •  Tirocinio post- laurea in  neuropsicologia:
    Ospedale privato accreditato “Villa Bellombra” via Bellombra n.24, 40136 Bologna (Bo).
    Acquisite competenze nella valutazione testistica neuropsicologica, interpretazione dei punteggi, stesura del progetto riabilitativo, sedute di riabilitazione e stimolazione cognitiva, stesura della relazione neuropsicologica, partecipazione ai team con i famigliari e ai team multidisciplinari.
  • Alma Mater Studiorum –Università di BolognaLaurea Magistrale in  neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica  con votazione finale 110/110 e lode
    Campus di Cesena, Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione.
  • Laurea triennale in “scienze e tecniche psicologiche” con votazione 109/110
    Alma Mater Studiorum –Università di Bologna
    Campus di Cesena, Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione
  • Valutazione delle funzioni cognitive in caso di
  • un eventuale dubbio deterioramento cognitivo
  • deterioramento cognitivo già diagnosticato (per monitorare l’evolversi della malattia)
  • ictus, trauma cranico o tumore cerebrale
  • Stimolazione cognitiva per persone con deterioramento cognitivo
  • Riabilitazione cognitiva a seguito di ictus, trauma cranico o tumore cerebrale.

Target di riferimento: ADULTI (dai 18 anni)

La valutazione neuropsicologica consiste in test carta matita o computerizzati che hanno lo scopo di comprendere se vi sono difficoltà di attenzione, di memoria, di linguaggio e di controllo del comportamento.

Le difficoltà in questi ambiti possono emergere a seguito di una cerebrolesione acquisita (come per esempio un ictus, un trauma cranico o un tumore cerebrale) oppure in casi di deterioramento cognitivo.

A seguito della valutazione delle funzioni cognitive è quindi possibile, ove necessario, stilare un intervento individualizzato, con lo scopo di riabilitare le funzioni cognitive compromesse o, nel caso della demenza, effettuare una stimolazione cognitiva per rallentare il decorso della malattia.

Riabilitazione e stimolazione cognitiva sono volte al miglioramento della qualità di vita della persona.